torna alla pag. precedente vai alla pag. successiva
     
 

ITINERARIO 1: TRA DORA E PO

Cartina percorso 1 Il tratto iniziale del Parco fluviale del Po che inizia dal ponte di Crescentino, è uno degli accessi migliori al fiume. La velocità delle acque piuttosto scarsa rende, questo tratto di fiume accessibile, a chiunque sappia portare un’imbarcazione a remi. Percorrendo i 10Km che vanno da Crescentino a Palazzolo, raggiungiamo uno dei tratti più interessanti del corso piemontese del Po, quello in cui il fiume più si avvicina alla collina: la riva destra è costituita dalla ripida parete collinare su cui sono posti Gabiano, Cantavenna e il piccolo borgo di Rocca delle Donne. Nelle vicinanze consigliamo una visita alla Colonia Elioterapica con un curioso velivolo in cemento armato, nato come sostegno per le docce. Lo sbarramento insuperabile della centrale E.Fermi di Trino che si trova circa 3Km consiglia di terminare qui la gita il suo fragore a valle n’annuncia l‘imminenza, è molto pericoloso avvicinarsi, con la canoa allo sbarramento.

CARTINA PERCORSO 1

 


Accesso consigliato al recupero della canoa: sponda sinistra.

Sulla circonvallazione di Palazzolo Vercellese, in prossimità dell’unico incrocio esistente prendere la strada sterrata in direzione del fiume e della collina (verso sud dalla parte opposta all’abitato) e raggiungere la sponda: gli accessi più favorevoli si trovano risalendo leggermente in direzione contraria alla corrente.

     
     
 
 


ITINERARIO 2: DA TRINO A CASALE

Ponte di Trino: detriti sotto alcuni dei piloni possono costituire un pericolo, prestare attenzione a passare sotto le arcate di centro. Accesso consigliato: sponda sinistra. Provenendo dall’abitato di Trino (1 Km circa) in direzione di Camino, scendere su strada sterrata a sinistra poco prima del ponte stesso. -Centro abitato di Pontestura: circa 8 Km a valle del ponte di Trino, Pontestura è il paese più vicino al fiume. Sulla sinistra si trova l’area della riserva naturale di Ghiaia Grande, prospiciente la collina di camino. Accessi consigliati: sponda sinistra. Dalla superstrada Trino-Pontestura imboccare l’ultima strada sterrata che scende nella scarpata sulla destra, trecento metri prima del ponte. Passando sotto la superstrada si segue, parallelamente, fino al fiume. Sponda destra da Pontestura: imboccare la via che nei pressi del cimitero, passa di fronte al vecchio tiro a segno militare e porta alla sponda. -Morano sul Po: circa 4 Km a di Pontestura in corrispondenza d’alcuni grossi blocchi di cemento emergenti dall’acqua, si trova sulla sinistra un piccolo nucleo di baracche. Il centro abitato si trova a meno di 1Km. Accesso ed approdo sconsigliati a causa della ripida scarpata, i blocchi di cemento sono i ruderi di una teleferica che portava i materiali dalle cave ai cementifici di Morano. Nelle vicinanze rapida ondosa. -6 Km a valle di Pontestura: il Po si biforca per la presenza di un’isola. Il ramo destro è utilizzato per gare e prove di motonautica: prestare attenzione perché non sono segnalate. Si consiglia pertanto di percorrere il ramo sinistro. Accesso consigliato: sponda destra. Da Pontestura o Casale prendere per Coniolo; imboccare la strada che porta alla motonautica e raggiungere il fiume dopo averla superata. Ora la corrente del fiume è quasi completamente assente per la presenza dello sbarramento che convoglia le acque verso il Canale Lanza, poco più a valle. Il fiume è percorribile anche controcorrente ed è possibile ritornare al punto di partenza.

 

 

 


LE STRADE DI POLVERE
l INVITO AL FIUME l MOUNTAIN BIKE l IL CAVALLO

 
LA NOSTRA AZIENDA l COSA FACCIAMO l COSA OFFRIAMO l DOVE SIAMO l LE RICETTE l MONUMENTI DA VISITARE l LE MANIFESTAZIONI
COME ARRIVARCI l ITINERARI DEL MONFERRATO
l ATTIVITA' l MODULI DI PRENOTAZIONE l HOME l INFO